Archivi categoria: Eventi

Rondeau de Fauvel 2018

I Rondeau de Fauvel sono già stati ospiti al Buso della Rana nel 2011. Le immagini con cui è stato realizzato il seguente videoclip sono state girate durante quell’evento:

Nascono nel 2006 come semplice trio di musica medievale guidato dall’eclettico polistrumentista Michele Mastrotto, ma la vera formazione si plasma solo nel 2008. Inizia un intenso lavoro di arrangiamento di monodie medievali e sperimentazioni elettroniche, e si delinia il concept “DerEsel und die Lust”, spettacolo di musica medievale-elettronica.

Rondeau de Fauvel

Il successo riscosso e gli applausi della critica convincono Mastrotto a scrivere la seconda opera: “Gaudete et Exsultate”. La band si trova a solcare prestigiosi palchi in tutta Italia.Nel 2015 subentra l’idea di costruire il terzo show: “Miserere” che vede la band protagonista di importanti festival.Nel 2016 prende piede anche il progetto a formazione ridotta, spettacolo denominato ‘Chimera’.

Nelle note dei Rondeau de Fauvel grazie alla sonorità ammaliatrice di strumenti antichi quali l’arpa celtica, il liuto e la cornamusa e la contaminazione di strumenti moderni come il basso elettrico, la batteria e i sintetizzatori, rivivranno le tradizioni del mondo bretone e dei minnesänger, i poeti lirici tedeschi del basso medioevo in sinergia con sonorità accattivanti e di grande presa che porteranno l’ascoltatore a contatto con un mondo antico ma estremamente coinvolgente.

fatEsilenzio

Passeggiata con concerti itineranti

Domenica 16 Luglio, dalle ore 17

Link evento FB

Diversi artisti di Share Academy si esibiranno lungo un percorso lungo circa 2 Km, intorno al Parco del Buso della Rana. Una passeggiata immersa nella natura e nella musica.
Tragitto di difficoltà bassa, ma non adatto ai passeggini.
Share Academy chiuderà la passeggiata con Concerto Artisti Itineranti al Buso della Rana alle ore 21.00 con l’ultima tappa al Buso della Rana.

Alan Bedin

Alan Bedin. T&nCò

Sabato 15 Luglio, ore 21.30

 Link evento FB

T&nCò è un progetto creato dal cantante e performer Alan Bedin per far risaltare la figura poetica e musicale di Luigi Tenco. Un approfondimento musicale curato attentamente insieme a Marco Ponchiroli (pianoforte) e Gigi Sella (sax soprano, clarinetto, flauto barocco) per analizzare sotto diversi punti di vista il cantautorato, la primigenia formazione e ambizione jazz dell’artista Tenco. I tre musicisti provenienti da sfere profondamente diverse creano una miscela esplosiva, contemporanea e intensa in grado di esaltare l’universo musicale del cantautorato italiano con l’aspetto più nobile, ma libero del jazz intrecciando magistralmente una voce performativa, un’ancia di esperienza e un pianoforte eclettico ed ispirato. Dal soffio sonoro del fiato alla voce potente ed istrionica accompagnata dal piano creativo che trasforma le parole di Tenco in poesia armoniosa, sonora.

Lessiniafest 2017

Lessiniafest 2017

Sabato 1 Luglio, ore 21.30

Link evento FB

Proiezioni del film “Il suono del mio passo” e “Storie di uomini e lupi

in collaborazione con la cooperativa Biosphera

IL SUONO DEL MIO PASSO

M.Piavoli /Italia /2016 /25 min /Colore
Si accede ai luoghi della Val di Vesta, una delle vallate più  isolate e selvagge delle Prealpi, risalendo il fiume con una barca a remi. Un paesaggio di acqua, cave, slavine e boschi che diventa paesaggio interiore e riflette la sfera emotiva e spirituale di chi lo percorre. Un film che ha il sapore del documentario e della fiction insieme.

STORIE DI UOMINI E LUPI

A.Legnazzi, A.Deaglio /Italia /2015 /75 min / Colore
“Il ritorno di un animale porta scompiglio nei paesi delle Alpi. Mentre i ricercatori e i guardiaparco ne inseguono le tracce per studiarne la diffusione e i comportamenti, i pastori si organizzano per fronteggiarlo e gli abitanti si dividono sulla sua presenza. Pochissimi l’hanno visto, ma tutti ne parlano: è il lupo”

Ardega – Match di improvvisazione teatrale

Match di improvvisazione teatrale

Sabato 24 Giugno, ore 21.30

Link evento FB

“Un gruppo di esperti improvvisatori chiede alcune indicazioni al pubblico presente. E con queste poche indicazioni, costruirà una storia unica, completamente improvvisata e ricca di colpi di scena. Sarà una storia romantica? Un giallo? Una commedia?
Un Horror? chi lo sa…. l’unica cosa certa è che non sapremo nemmeno noi come finirà la nostra storia, fino al momento esatto in cui si spegneranno le luci sul palco!”

L’Associazione Culturale Ardega nasce nel 2009 su iniziativa di un gruppo di attori e professionisti in altri campi, che hanno messo insieme le loro capacità e la loro formazione per creare un qualcosa di unico, legato ad una ricerca continua nelle aree espressive più varie con particolare attenzione all’improvvisazione teatrale. Ardega fa parte del Circuito internazionale del Match di Improvvisazione teatrale®.

Variazione Lessiniafest 2015

ATTENZIONE

L’evento Lessiniafest 2015 previsto per
Venerdì 10 Luglio, ore 21.30
subirà un piccolo cambiamento di programma.

A causa di un disguido tecnico, la prima delle due proiezioni scelte per la serata di Venerdì 10 Luglio è cambiata.
Quello che vedremo è:
(NEW!) Skule Eriksen – Anima Mundi (Norvegia, 2013 – 12 min.)
Sosken Til Evig Tid – Fratelli per sempre (Norvegia, 2013 – 75 min.).

Anima Mundi

anima_mundi_film_festival_lessinia

Sulle rive del lago e nel cuore delle foreste di faggio più settentrionali del mondo, l’atmosfera cambia con la luce, i ritmi e l’umore delle stagioni. Un ritratto intimo, attento al colore delle foglie, all’incresparsi dell’acqua, alla rifrazione dei raggi  del tepido sole, al venire delle lunghe notti autunnali e invernali. Poesia e pace in un mondo tra foreste, montagne e cielo.

Fratelli per sempre

fratelli-per-sempre

I settantenni Magnar e Oddny sono fratello e sorella. Vivono serenamente tra le montagne norvegesi, accudendo il proprio bestiame, ignari e volutamente distanti dal fermento delle città nordiche. Dalla loro quotidianità traspare un senso di profonda gioia e armonia, che li porta a prendersi amorevolmente cura l’uno dell’altra con gli stessi gesti attenti e affettuosi con i quali accudiscono e coccolano i loro animali. Le loro giornate sono scandite da gesti consueti, interrotti da saltuarie visite in paese o dalla visita di lontani parenti da oltre oceano che non sconvolgerà per nulla le loro consuetudini.

 

Vai al programma Incantamonte 2015…

Valdariete – I Celti nell’Alto Vicentino

Non li abbiamo cercati, ma solo incontrati– scrivono le due autrici nell’introduzione al libro – . Li abbiamo conosciuti piano piano scoprendo un popolo geniale e insolito, da far uscire dall’ombra in cui è stato finora relegato. Storici ed archeologi ritengono che i Celti, nella loro marcia verso oriente, si siano fermati nella parte meridionale del lago di Garda e abbiano risparmiato il Veneto. Dagli scavi archeologici, però, continuano a emergere reperti che rimandano a questo popolo testimonianze che sono sempre state sminuite dagli studiosi che considerano i Celti, per quanto riguarda il Veneto, presenze occasionali e comunque ininfluenti sulla cultura locale. Importanti tracce, invece, ci sono nelle nostre zone, sia come toponimi che come strutture di insediamento. Nel corso della nostra ricerca abbiamo allargato lo sguardo dal territorio alla lingua, dando vita alla Gens che fa parte del nostro background: così come non possiamo sceglierci i genitori, tantomeno i progenitori, vale quindi la pena di conoscerli e, se è il caso, di apprezzarli. Da osservatrici del paesaggio e dei toponimi siamo arrivate a concludere che nelle Valli dell’Alto Vicentino, nell’Età del Ferro, viveva un’importante tribù celtica, con ogni probabilità di Galli Cenomani, che risiedeva in villaggi sparsi fortificati. Avevano nella Valle dell’Agno una capitale morale, posta in un importante santuario, e una capitale politica. Erano religiosissimi e ci hanno lasciato i nomi delle loro divinità, attraverso i quali siamo riuscite a localizzare numerosi luoghi sacri e necropoli e a dare significato a nomi di paese, come Recoaro, Valdagno, Cornedo, Brogliano, Castelgomberto, Montecchio Maggiore e Priabona.

fonte: Intervista alle autrici – La domenica di Vicenza.

Fratelli per sempre

In programma per Venerdì 10 Luglio 2015

SØSKEN TIL EVIG TID

FRATELLI PER SEMPRE

Frode Filmland / 75′ / Norvegia / 2013 / Colore

fratelli-per-sempre

I settantenni Magnar e Oddny sono fratello e sorella. Vivono serenamente tra le montagne norvegesi, accudendo il proprio bestiame, ignari e volutamente distanti dal fermento delle città nordiche. Dalla loro quotidianità traspare un senso di profonda gioia e armonia, che li porta a prendersi amorevolmente cura l’uno dell’altra con gli stessi gesti attenti e affettuosi con i quali accudiscono e coccolano i loro animali. Le loro giornate sono scandite da gesti consueti, interrotti da saltuarie visite in paese o dalla visita di lontani parenti da oltre oceano che non sconvolgerà per nulla le loro consuetudini.

Credits

Formato DCP Lingua Norvegese Sceneggiatura Frode Fimland Suono AUX Publishing AB Montaggio Anders Teigen Musica Hanne Krohg, Naustedalen Spelemannslag Produttore FIM Film AS Produzione Relation04

Frode Filmland

frode-filmlandVive e lavora a Bergen, in Norvegia, dove dirige la compagnia di produzione FIM Film AS. Dopo la laurea in cinematografia e televisione nel 1986, lavora a numerose serie televisive. Søsken til evig tid nasce dallo stretto rapporto di amicizia che il regista ha con Magnar, il protagonista, che conosce fin dall’infanzia.

Il sentiero battuto

In programma per Venerdì 10 Luglio 2015
Non sarà proiettato, a causa di disguido tecnico!
Al suo posto vedremo un altro cortometraggio.
Clicca qui per saperne di più…

EK DAHKAR JIWAN

IL SENTIERO BATTUTO

Phurba Tshering Lama / 26′ / Nepal / 2014 / Colore

il-sentiero-battuto

La vita di Balvir è oppressa dalla fatica, ai limiti dell’assurdo. È un povero allevatore del Nepal che, per guadagnarsi da vivere, trasporta la carne del proprio bestiame al mercato, percorrendo a piedi tortuosi e ripidi sentieri attraverso le montagne. Il massacrante peso della carne, riposta in enormi gerle di vimini, gli piega la schiena, gli comprime le vertebre, tende ogni fi bra del suo corpo ossuto prosciugando ogni energia. Finché, un giorno, le gambe cedono, la carne rotola nel dirupo e l’incidente costringerà il suo compagno a portare la carne dell’amico. Un fi lm che intende indagare la vita di semplicità e soff erenze nel Nepal rurale.

Credits

Formato HDV Lingua Dialetto Nepalese Soggetto Gupta Pradhan Sceneggiatura Phurba Tshering Lama Fotografia Ayan Saxena Suono Samant Christopher Lakra Montaggio Dinesh Yadav Musica Samant Christopher Lakra Interpreti Principali Man Bahadur Tamang, Kumar Tamang Produttore Phurba Tshering Lama Produzione Ferry Tale Pictures

 

Phurba Tshering Lama

phurba-tshering-lama

Phurba Tshering Lama è un giovane regista di Darjeeling (India). Ha studiato Letteratura a Darjeeling e Regia al Film and Television Institute of India (Pune). The Beaten Path è interamente auto-finanziato.