Tutti gli articoli di admin

Le nostre raccomandazioni

A causa di alcune esperienze negative che abbiamo avuto negli anni passati, vi proponiamo alcune raccomandazioni per fare in modo che le serate possano darvi il massimo delle emozioni, nel rispetto delle altre persone che vi partecipano.

  1. E’ severamente vietato parcheggiare sui bordi della strada.
  2. Ricordate di portare con voi una torcia elettrica: vi aiuterà a tornare al parcheggio alla fine dell’evento e renderà più sicura e piacevole la vostra breve passeggiata.
  3. Tenete a bada i bambini: evitiamo grida, corse e ombre cinesi fatte con i fari scenografici, al fine di non disturbare i molti spettatori interessati all’evento.
  4. Evitate se possibile di visitate l’ingresso del Buso della Rana durante il concerto. L’ingresso è liberamente visitabile PRIMA del concerto ma sconsigliamo vivamente di visitarlo DURANTE il concerto, in quanto potrebbero esserci dei momenti di buio scenografico che sarebbero assai problematici per chi si trova all’interno.
  5. In caso di maltempo, o di tempo incerto, le migliori fonti di informazioni sono questo sito web, facebook e instagram. Nel caso le previsioni meteo indichino brutto tempo,  alcuni degli eventi vengono spostati presso il Teatro Comunale di Monte di Malo. Se invece il brutto tempo sopraggiunge improvvisamente, senza che fosse previsto dai servizi meteo, gli eventi saranno rimandati a data da destinarsi o definitivamente annullati. Se avete dubbi, consultate la homepage di questo sito ed avrete sempre informazioni corrette ed aggiornate. Nel caso non ci siano particolari indicazioni, significa che l’evento si svolgerà regolarmente.

Lo staff di incantamonte vi ringrazia e vi augura una piacevole serata.

<< Torna alla homepage

Parcheggi

Gli eventi Incantamonte richiamano solitamente un grande numero di persone. Per garantire la sicurezza ed evitare sanzioni, vi suggeriamo di:

  • Non parcheggiare lungo la strada;
  • Preferire il parcheggio che sarà adibito sul parco superiore;
  • Per coloro che abitano nei dintorni, consigliamo di non usare l’automobile.

Luca Bassanese

Luca Bassanese – L’amore (è) sostenibile

Luca_Bassanese_Lamore_è_sostenibile

<<a differenza della musica pop, la canzone folk non ha tempo. Non ha una data di scadenza, non va di moda, non andrà mai di moda, ed è questo che mi affascina>>

Luca Bassanese ci presenterà il suo ultimo album, un lavoro registrato tra Italia e Francia.

Luca Bassanese foto 1Dall’incontro con un amico ubriaco all’inganno di un’intera classe sociale, dalla fuga dei cervelli alla ballata dell’emigrante, dai sognatori contro i mulini a vento alla mediocrità dell’uomo medio, dalla testimonianza di un presente che troppo ricorda il passato alla visione della sostenibilità come unica possibilità di futuro ambientale, economico, sociale, istituzionale, contro la prevaricazione, il dominio della madre terra e l’odio verso le diversità. Nella certezza di un possibile cambiamento determinato da ogni nostra singola azione, da ogni nostro umano sentire.

11 canzoni da somministrare a stomaco pieno contro il malessere quotidiano.

Link al sito ufficiale di Luca Bassanese

Jashgawronsky Brothers

Jashgawronsky Brothers presentano: Trash!

brother1 brother2

Si parla tanto di riciclo, raccolta differenziata e gestione dei rifiuti: gli Jashgawronsky Brothers lo fanno in musica. Cercano di fare un po’ di pulizia, producendo un vero e proprio concerto eseguito con oggetti e strumenti ricostruiti o destinati a finire nella spazzatura. Uno spettacolo adatto a tutte le età, con diverse chiavi di lettura che non smette di stupire e divertire. Tutto fa musica: dal corpo alle scope, dal bidone ai cestini, dai secchi alle bottiglie. Così i più grandi successi vengono eseguiti con una chitarra ricavata da un water, le melodiche suonate con pompe da materassini, le colonne sonore con maiali d’autogrill.
Uno show dove l’invenzione diventa musica e tutto ciò che è scarto diventa strumento.
Nulla si crea e nulla si distrugge: tutto si trasforma.

Ospiti anche a Zelig1 2014:

Jashgawronsky Brothers - Zelig1

Metropolis_Jashgawronsky-Brothers

Andrea Pennacchi

Andrea Pennacchi

La grande guerra

La storia di un giovane soldato che parte per la guerra volontario ed entusiasta, pensando che sarà rapida.
Non sarà così.

Lo spettacolo, accompagnato dalla chitarra di Giorgio Gobbo (Piccola Bottega Baltazar), è stato replicato con successo in cinquanta istituti superiori del Veneto nei primi mesi del 2014, promosso da Arteven – circuito teatrale regionale e dalla Regione Veneto. Si basa su diari e testimonianze di chi quella guerra la visse dal basso, truppa e ufficiali subalterni, tra i quali non sarà difficile riconoscere echi di Gadda, Lussu, Ungaretti, Junger, Kipling, Hemingway..

Un modo per raccontare da vicino la guerra più feroce di tutte.

la-grande-guerra-Andrea-Pennacchi

La guerra non è qualcosa che si insegna: la fai e basta.
Attacca, spara, mettiti al riparo quando devi. Tutto qua.
E poi recupera i morti.

Link al sito ufficiale di Andrea Pennacchi

Documentario: Rana-Pisatela, 40km

Un documentario della durata di circa mezz’ora sul complesso carsico Buso della RanaBuso della Pisatela.
Storia, esplorazioni, geologia, clima, idrologia… sono solo alcuni dei punti che andrà a toccare questo breve film, girato grazie anche all’aiuto di un drone.

Regia e montaggio video: Sandro Sedran
Riprese video: Simona Tuzzato
Voce narrante: Paolo Furlan
Luci e produzione: S-Team

Guarda il Trailer!

Vuoi scoprire altri fantastici video realizzati da Sandro Sedran riguardanti il Buso della Rana? Clicca qui.

Kairos

“KAIRòS” – Francesco Carta Ensemble

J. Kyle Gregory, flicorno
Paola Zannoni, violoncello
Francesco Carta, pianoforte
Luca Nardon, percussioni

“Kairòs”, un nuovo progetto del pianista e compositore vicentino Francesco Carta, “un affresco moderno, musiche capaci di penetrare suadenti nell’anima attraverso la regia del pianoforte, la poesia del flicorno e gli innesti di percussioni e violoncello. Una finestra sui nuovi orizzonti del jazz”. La presenza nell’organico di strumenti così diversi e appartenenti alle grandi famiglie strumentali (a fiato, corda, percussioni) rappresenta il desiderio di esaltare i « colori della musica », per creare un quadro dalle molte sfumature.

Francesco Carta, pianista e compositore è nato a Vicenza nel 1969.
Diplomato in pianoforte e in musica jazz (con Franco D’Andrea); in possesso del diploma accademico di secondo livello abilitante all’insegnamento strumentale.
Ha studiato jazz frequentando corsi e seminari tenuti da: Marcello Tonolo, Luigi Bonafede, Paolo Birro, Lee Konitz, Stefano Battaglia, Franco D’Andrea, John Taylor.
Ha fatto parte della band italo/slovena “Devil Doll”, ha poi fondato l’ “Experimental Quartet”.
Ha all’attivo circa 300 concerti, ha suonato in jazz-club, teatri, rassegne e festival, tra cui: “New Conversations-Vicenza Jazz”; “Itinerari Jazz” (Trento); “Società del Quartetto” di Vicenza; “Selvazzano in Jazz” (Veneto Jazz); “Villa Celimontana” (Roma); “Pavone Open Jazz Festival” (Ivrea); “I Martedì al Conservatorio” (Vicenza); “Mantova musica festival”; e molti altri ancora.
E’ docente di pianoforte nelle scuole statali a indirizzo musicale.

 

Vasco Mirandola

Vasco Mirandola legge Dino Buzzati

Musiche dal vivo della Piccola Bottega Baltazar

Lo spettacolo è un omaggio allo scrittore e pittore Dino Buzzati, figura di spicco della cultura veneta ed internazionale del Novecento. Un universo di storie e musiche abitato da strane creature, contesse inseguite dai lupi, insetti che abitano le pieghe del pensiero, innocenti fanciulle sul punto di… santi che per fortuna arrivano in tempo!

Mostri, Miracoli & Misteri racconta storie fantastiche che in questo mondo accadono spesso. Parole e suoni che suggeriscono l’inquietudine dell’inatteso, il rotolare del tempo, incubi, strane visioni, mostri improvvisi, lo spavento che scaturisce da una smagliatura della norma, la magia racchiusa nell’ovvio.

MisVasco Mirandola è artista poliedrico: attore, comico, cantante, cabarettista, formatore, regista, poeta, performer, autore televisivo … Co-protagonista del film Oscar “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores, ha lavorato con Carlo Mazzacurati, Roberto Citran, Giancarlo Previati, Paolo Conte e molti altri, partecipando a numerosi spettacoli teatrali e televisivi.

Misteri d’altri tempi. Misteri di sempre… a volte veri e propri Miracoli….